Spagna del nord in moto: Guida Viaggio

Spagna del nord in moto: dai Pirenei all’Oceano Atlantico

Spagna del nord in moto mappa regioni

Spagna del nord in moto mappa regioni (fonte immagine: https://blog.yescapa.it/blog/2018/10/25/spagna-del-nord-in-camper/)

La Spagna del Nord in moto è una scelta più che azzeccata: le curve e le strade panoramiche non mancheranno!

Infatti, la spagna, è il paese più montuoso d’Europa: secondo solo alla Svizzera!

Incrocerai molti pellegrini del Cammino di Santiago di Compostela.

Spagna del nord itinerario consigliato in moto

Spagna del nord in moto

Spagna del nord in moto itinerario mappa

Stai cercando “Spagna del nord: itinerario consiglio in moto?”

Eccoci qui a dirti uno dei percorsi più belli da fare come viaggio in moto nel nord della Spagna.

I Paesi Baschi in moto

Paesi Baschi in moto - mappa

Paesi Baschi in moto – mappa

I Paesi Baschi in moto sono una delle mete più apprezzate dal mototurismo: viaggiando in una delle regioni più antiche e ricche di cultura d’Europa.

Gli abitanti di questa regione parlano la lingua basca che non è uguale alla lingua spagnola: le origini di questa lingua sono misteriose.

Nei Paesi Baschi le tapas spagnole si chiamano Pintxos (pronuncia: pinchos) e potrete gustarle nei locali tipici baschi: le “tabernas”.

San Sebastian: surf, cucina stellata e feste

San Sebastian viene chiamata “Donostia” in basco e si riconosce subito per la sua baia ad arco e le sue spiagge!

Ultimamente ha avuto diverse recensioni positive anche sulla cucina e ha ben 7 ristoranti stellati.

E’ qui che fanno la Semana Grande di San Sebastian e il Festival Internazionale del Cinema di San Sebastian.

Spiaggia La Choncha
Spiaggia La Choncha di San Sebastian

Spiaggia La Choncha di San Sebastian

E’ la più bella spiaggia urbana di tutta Europa: tutt’intorno ci si può passeggiare su una balaustra bianca simbolo della città!

Bilbao

Bilbao

Bilbao

Bilbao è la città più grande dei Paesi Baschi ed è un misto tra modernità e antichità.

Plaza Nueva
Plaza Nueva di Bilbao

Plaza Nueva di Bilbao

Piazza di 3’600 metri quadrati circondata da edifici e piena di localini per gustare le tapas basche.

Cattedrale di Bilbao nel Casco Viejo

Il quartiere medievale di Bilbao, Casco Viejo, è il più antico e anche animato di Bilbao e ospita la Cattedrale di Bilbao.

Viene chiamata anche “Cattedrale di Santiago” o “Cattedrale di San Giacomo”.

E’ stata costruita su un antico tempio del 1300 che venne distrutto da un incendio.

La cattedrale ha un tipico rosone gotico con vetrata e una campanile neo gotico.

All’interno è sempre illuminata grazie ai lucernari e alle finestre.

Cattedrale di Bilbao Campanile

Cattedrale di Bilbao Campanile

Cattedrale di Bilbao

Cattedrale di Bilbao – rosone gotico

Il Museo Guggenheim di Bilbao
Il Museo Guggenheim di Bilbao

Il Museo Guggenheim di Bilbao

Questo edificio non è solo museo di arte moderna e contemporanea ma anche un capolavoro architettonico.

Insieme al Ponte Zubizuri (di cui scriviamo poco sotto) è considerato un simbolo di rinascita economica per i paesi baschi.

Il cane di fiori e la statua del ragno di Bilbao.

Il Ragno Gigante di Bilbao: Maman
Il Ragno Gigante di Bilbao Maman

Il Ragno Gigante di Bilbao Maman

“Maman” è l’enorme ragno gigante vicino al Museo di Bilbao. Questa scultura è stata posizionata anche in altri stati (Spagna, Giappone, Regno Unito, Canada…) e rappresenta la forza di una madre.

La scultrice Louise Bourgeois dice:

“Il ragno è un’ode a mia madre, lei era la mia migliore amica.
Come un ragno, mia madre era una tessitrice. La mia famiglia era nel settore del restauro della tappezzeria e mia madre era a capo del laboratorio.
Come i ragni, mia madre era molto intelligente. I ragni sono presenze amichevoli che mangiano le zanzare, sappiamo che le zanzare diffondono malattie e sono quindi superflue. I ragni invece sono utili e protettivi, proprio come mia madre”.

Il cane di fiori di Bilbao: Puppy
Il cane di fiori di Bilbao Puppy

Il cane di fiori di Bilbao Puppy

Di fronte al Museo possiamo ammirare anche un’altra scultura enorme: è il cane di fiori Puppy.

Scultura realizzata dall’americano Jeff Koons negli anni ’90 e rappresenta un cucciolo canino della razza West Highland White Terrier.

E’ stato costruito ricoprendo di fiori e piante una struttura in acciaio inox.

Dei finti giardinieri dell’ETA (organizzazione terroristica) cercarono anche di fare un’attentato intorno alla scultura mettendo dei vasi di fiori intorno pieni di esplosivo: fortunatamente il pericolo fu scongiurato.

Ponte Zubizuri
Ponte Zubizuri di Bilbao

Ponte Zubizuri di Bilbao

Bilbao ha 6 ponti che attraversano il fiume Nervión (prima che sfoci nel Mar Cantabrico), il Ponte Zubizuri è il più importante.

Conosciuto anche come Ponte “Calatrava” o “Ponte Pedonale del Campo de Volantín”, è il ponte più bello di Bilbao e ci si può accedere a piedi tramite scale e rampe di accesso.

Bianco, sospeso e con la forma di un arco moderno alto quasi 15 metri.

La guerra del Comune contro l’architetto

Quando venne costruito destò forti polemiche verso l’architetto Santiago Calatrava: aveva il suolo di vetro e risultava molto scivoloso con l’umidità del fiume o il maltempo. Dopo numerose cadute dei passanti è stato rivestito con una moquette antiscivolo. Successivamente ci si rese conto che delle mattonelle era rotte e la causa era un difetto di costruzione. Il Comuen prese provvedimenti per assicurare la sicurezza dei passanti e aggiunse degli elementi di stabilità al ponte. Subito dopo l’architetto denunciò il comune con l’accusa di violazione dei suoi diritti morali. L’architetto vinse la sua causa contro il Comune e da allora si è acceso un interessante dibattito: deve prevalese l’interesse generale o il rispetto dell’estetica originaria di un’opera?

San Juan de Gaztelugatxe: la Roccia del Drago

San Juan de Gaztelugatxe la Roccia del Drago

San Juan de Gaztelugatxe la Roccia del Drago

San Juan de Gaztelugatxe è l’isola spagnola della Biscaglia che venne utilizzata come “Roccia del Drago” nella serie tv “Il Trono di Spade“.

Quest’attrazione si trova a meno di un’ora da Bilbao e tranquilli: non dovrete prendere nessun traghetto per raggiungerla.

Scopri qui come arrivare a Roccia del Drago su Google Maps.

Se state viaggiando nella Spagna del Nord con la moto perchè non farsi una passeggiata sulla scalinata a picco sull’oceano?

Anche se non siete appassionati della serie tv il panorama e l’aria che si respira ne vale davvero la pena!

Vi avverto però: sarà un pò faticoso e dovete considerare che una mattinata intera dovrà essere dedicata alla visita!

Cantabria in moto

Cantabria in moto - mappa

Cantabria in moto – mappa

Dopo i Paesi Baschi troviamo la regione di Cantabria con 150km di costa selvaggia.

La Cantabria è una regione ancora poco turistica: pensate che su 5 turisti ben 4 sono spagnoli e solo 1 proviene da fuori della Spagna.

Santander

E’ la capitale della Cantabria, la città più grande e anche un porto importante.

Fin dall’antichità si commerciava da qui la lana con le Fiandre.

Scopri la storia di Santander su Wikipedia
Il faro di Cabo Mayor

A 7 minuti di moto dalla spiaggia possiamo vedere il famoso faro di Santander.

Prima della costruzione del faro (1833) si avvisavano i marinai della presenza della costa accendendo fuochi o sventolando bandiere.

Questo edificio fu testimone di una grande tragedia del mare che costò la vita a 500 persone.

Successe a fine 1800: il mercantile chiamato Cabo Machichaco esplose nel porto..

Adesso il faro può illuminare per 33 km e ha sempre mantenuto la sua struttura originale con un’altezza di 30 metri.

Grotta di Altamira

Grotta con graffiti preistorici datati tra il 16.000 e il 9000 a.C. e dichiarati Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

Questa grotta si è formata in modo naturale, è lunga 270 metri, alta da 2 a 6 metri e ha un soffitto multicolore molto appariscente.

Si è preservata perchè un masso ha bloccata l’entrata per 13’000 anni.. fu scoperta solo per la caduta di un albero.

Scopri di Più sulla Grotta di Altamira su Wikipedia Guarda dove si trova la Grotta di Altamira su Google Maps

Laberinto de Villapresente

Stiamo parlando di un labirinto verde di 5’000 metri quadrati con pareti fatte di piante e alberi.

Per uscirne potresti dover percorrere anche 5 km di corridoi!

Sicuramente un’esperienza che richiede almeno un paio d’ore: sempre se trovate l’uscita!

Questo labirinto è stato ideato dal proprietario del terreno con sua figlia: ci hanno messo ben 4 anni a far crescere tutti gli alberi che lo costituiscono.

E’ i labirinto più grande della Spagna e uno dei più grandi d’Europa.

Perchè non andare? E’ bello concedersi un pò di gioco anche in vacanza no?

Portami al Labirinto su Google Maps!

Ojo del Diablo

Terrazza panoramica che si può raggiungere solo camminando per 4 km a piedi! Il percorso richiede una certa forma fisica perchè presenta pendenze diverse.

Purtroppo non potrete arrivare qui con la vostra moto, ma se vi piace il trekking arrivare a questo punto d’osservazione vi stupirà!

Potrete guardare il panorama dall’alto attraverso un arco naturale di roccia che sovrasta il litorale, chiamato appunto “Occhio del diavolo”.

Occhio del Diavolo su Maps

Il Capriccio di Gaudì

Il Capriccio di Gaufi - foto del sito ufficiale

Il Capriccio di Gaufi – foto del sito ufficiale: http://www.motoramica.com/scopri/capriccio-gaudi-ufficiale/

A meno di un’ora di moto da Santander si può trovare Villa Quijano ma tutti la conoscono come El Capricho.

L’opera, di grande fantasia, è stata costruita dal famoso architetto spagnolo Antoni Gaudí.

Pensate: Gaudì realizzò la struttura in modo che tutte le attività quotidiane seguissero lo spostamento del sole prendendo esempio dai girasoli.

Scopri dove si trova, le recensioni e altre curiosità sulla Villa di Gaudì

Spiagge e mare in Cantabria: la selvaggia spagna del nord

Le spiagge più belle della Cantabria sono accessibili solo a piedi, cosa che tiene lontane le folle ed esalta l’immersione nella natura.

Se vi piacciono le spiagge selvagge, scarsamente popolate e non volete vedere grandi edifici a ridosso della spiaggia: questa può diventare la vostra zona di paradiso!

Ci sono vaste e sconfinate distese di sabbia finissima con magnifica vista sui Picos de Europa (spesso innevati) in lontananza.

Playa de Sonabia

E’ la spiaggia che si vede dall’Ojo del Diablo.

Si trova a 45 minuti di distanza da Santander.

Anche questa spiaggia è ad accesso libero per tutti: nudisti compresi, ma la caratteristica principale di questa spiaggia è che spesso l’acqua non è fredda come di solito è nella Spagna del nord.

Playa de Sonabia su Maps
Playas de Langre

A 40 minuti da Santander, se provenite dai Paesi Baschi troverete prima questa 2 spiagge e poi la città di Santander.

La spiaggia è composta da due lunghe mezzelune di sabbia circondate da scogliere stratificate e accessibili tramite scale dal parcheggio sovrastante.

Non ci sono indicazioni: ma qui l’abbigliamento è opzionale ed è frequentatissima da surfisti spagnoli!

Playa de Langre su Google Maps
Spiaggia El Sardinero

La spiaggia per eccellenza di Santander ed anche la più frequentata tra le spiagge della Cantabria.

Raccontano che il nome della spiaggia “El Sardinero” derivi dall’abitudine dei pescatori di arrostire qui le sardine e proporle ai passanti.

Si tratta di una lunga curva di spiaggia che quando c’è la bassa marea si separa in due spiagge.

Prima El Sardinero era visibilmente diviso in due spiagge: una parte era destinata ai ricchi, l’altra a tutti gli altri…

Spiaggia de El Sardinero su TripAdvisor

Picos de Europa: mototurismo nel parco naturale tra Asturie e Cantabria

Regione delle Asturie Spagna - mappa

Regione delle Asturie Spagna – mappa

A cavallo tra la regione delle Asturie e la Cantabria: 200 vette più alte di 2’000 metri, cayon e strade favolose per il mototurismo!

strade favolose per il mototurismo sui Picos de Europa

strade favolose per il mototurismo sui Picos de Europa

Questo è il primo parco nazionale che fu istituito in Spagna, dal 2002 è Riserva della Biosfera dell’UNESCO perchè ospita animali come l’orso, il lupo, l’aquila, il grifone e il camoscio.

I Picos de Europa sono 3 grandi massicci Orientale (Andara), Centrale (degli Urrieles) e Occidentale (di Cornión).

La vetta più alta misura quasi 2’650 metri, si trova nel massiccio Centrale e si chiama Torrecerredo.

Sul massiccio Occidentale si trovano i famosi Laghi di Covadonga.

Ci sono 4 fiumi che attraversano il parco e si incalano in gole profonde.

Qui la presenza di neve ci può essere durante tutto l’anno ed è una zona molto piovosa.

Ai tempi del Nolitico gli abitanti di queste montagne consideravano il Mons Vindius (Monte Bianco) il loro Dio.

Il Monte bianco non è quello che intendiamo noi, bensì, altro non era che le bianche vette calcaree che spuntavano dai massicci centrale ed occidentale.

Il ponte romano di Cangas

Il ponte romano di Cangas

Il ponte romano di Cangas con la Croce della Vittoria

Accanto al Parco, all’altezza della cittadina Cangas de Onís potete ammirare il ponte medievale romano.

Esisteva già ai tempi dei romani per attraversare il fiume Sella, è stato ristrutturato però in epoca medievale.

Questo ponte è chiamato anche “Puente Vieyu” o “Puentón” ed è uno dei simboli più rappresentativi del Principato delle Asturie.

Presenta 3 archi, quello centrale è più alto e con un angolo più acuto: lì è appesa la Croce della Vittoria.

Galizia in moto

Galizia in moto - mappa

Galizia in moto – mappa

Spiaggia delle Cattedrali: Playa de Las Catedrales

Spiaggia delle Cattedrali

Spiaggia delle Cattedrali

La Spiaggia delle Cattedrali è una distesa di dune di sabbia dove le rocce sembrano vere e proprie cattedrali gotiche!

Indicazioni per raggiungere la Spiaggia delle Cattedrali su Maps.

Il fenomeno è dovuto dal vento e dall’acqua che, col passare del tempo, hanno dato vita a falesie di oltre 30 metri, scogli scolpiti, cunicoli, archi naturali di rocce..

State guardando proprio la spiaggia più bella d’Europa, senza dubbio!

Questo incantesimo si trova vicino a Ribadeo.

Inizialmente questa spiaggia era conosciuta come Spiaggia Aguasantas (spiaggia dell’acqua santa).

Per entrare ci vuole un permesso, un’autorizzazione del comune.

Ma non preoccupatevi, è semplicissimo ed è gratuito!

Basterà andare a questo indirizzo online: Modulo di richiesta autrorizzazione per visitare la Spiaggia delle Cattedrali.

Dovrete inserire la data in cui intendete fare la visita, i vostri dati anagrafici e gli estremi di un documento di identità dei partecipanti.

Et voilà: vi arriverà il permesso via email che dovrete mostrare alla sicurezza all’ingresso della Spiaggia.

E’ una spiaggia piena di fascino che incanta! Si può correre tra le immense rocce, saltare nelle pozze, cercare tesori ed esplorare piccole grotte.

Vi capiterà sicuramente di vedere delle cose strane sulle rocce simili a quelli in questa foto:

percebes crostacei stranissimi della Galizia ancorati agli scogli nella spiaggia delle cattedrali

percebes crostacei stranissimi della Galizia ancorati agli scogli nella spiaggia delle cattedrali

Sono “percebes“: i crostacei stranissimi della Galizia.

Un piatto prelibatissimo che vale la pena di assaggiare se visitate la Costa Atlantica Spagnola o il Portogallo.

Grandi pochi centimetri e sono saldamente ancorati agli scogli..

Apparte l’autorizzazione, inoltre, per visitare questa meraviglia bisogna tener conto della bassa marea: perchè con l’alta marea l’intera spiaggia scompare..

Sul sito dove richiedete l’autorizzazione c’è un box, vicino al calendario, con le indicazioni sulle maree e il meteo…

Consigli di viaggio? Chiedete l’autorizzazione almeno 2 giorni prima (senza permesso non potrete entrare e rischiate di perdervi una meraviglia simile)!

Altro consiglio: arrivate presto la mattina (per le 9.00 circa) altrimenti troverete moltissima fila per entrare!

E a pensare al mare che divora tutto viene in Mente Alessandro Baricco in “Oceano Mare”:

“Sai cos’è bello, qui? Guarda: noi camminiamo, lasciamo tutte quelle orme sulla sabbia, e loro restano lì, precise, ordinate. Ma domani, ti alzerai, guarderai questa grande spiaggia e non ci sarà più nulla, un’orma, un segno qualsiasi, niente. Il mare cancella, di notte. La marea nasconde. È come se non fosse mai passato nessuno. È come se noi non fossimo mai esistiti. Se c’è un luogo, al mondo, in cui puoi pensare di essere nulla, quel luogo è qui. Non è più terra, non è ancora mare. Non è vita falsa, non è vita vera. È tempo. Tempo che passa. E basta”.

Torre di Hércules di A Coruña

Nella città di A Coruña si trova la Torre di Hercules: il faro romano più antico del mondo ancora funzionante.

Alto 48 metri, dal 2009 è Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.

Torre di Hercules su Google Maps.
La leggende della Torre di Hercules

Secondo quanto si racconta Hercules raggiunse questo angolo della Spagna alla ricerca del gigante Gerione, per liberare il popolo dal suo immenso potere.

Lo scontro tra i due durò 3 giorni e 3 notti, al termine dei quali Ercole ebbe la meglio e seppellì il gigante vicino al mare.

Per commemorare la sua vittoria costruì questa torre-faro.

Si dice che Hercules, fu anche il fondatore della città di A Coruña: dandogli questo nome per ricordare la sua prima moglie: Crunia.

Finisterre

Finisterre

Finisterre

Finisterre è la meta più ricercata se state viaggiando per la Spagna del Nord: inevitabile e tappa obbligatoria.

Il nome significa “fine della terra” ed è un promontorio sull’Oceano Atlantico dove si credeva che il mondo finisse..

Famosa anche per la sua Praia do Rostro e Praia de Langosteira, da come è importante ne abbiamo fatto un articolo dedicato più dettagliato:

“Finisterre in moto verso la fine della terra”.

Cascada de Ézaro

Vedere la cascata è gratuito e avrete un comodo parcheggio prima di arrivare con qualche bancarella di souvenir e un chiosco bar.

Alta 155 metri si trova accanto c’è una centrale idroelettrica.

Si getta direttamente nell’Oceano Atlantico ed è un fenomeno rarissimo in Europa.

Poco distante potrete trovare il Mirador Ézaro: una terrazza panoramica per vedere con i vostri occhi questo fenomeno.

Indicazioni per la Cascada de Ézaro su Maps. Vai al Mirador Ézaro su Google Maps.

La Cattedrale di Santiago di Compostela

Uno dei massimi santuari cattolici, meta dei pellegrini del Cammino di Santiago.

La cattedrale contiene le reliquie dell’apostolo Santiago, patrono di Spagna.

Se volete potete farvi un giro anche nel centro cittadino di Santiago dove si trova la cattedrale: la città vecchia è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

Santiago de Compostela: la cattedrale su Maps

Sil Canyon

Nella Ribeira Sacra (la zona dell’entroterra della Galizia) troverete fantastici Canyon profondi fino a 500 metri e monasteri abbandonati.

Ci sono 2 fiumi in questa zona: Il Sil e il Mino. Il Sil sfocia nel Mino e il Mino nell’Oceano Atlantico.

Secondo un detto popolare, il Sil porta l’acqua e il Miño la fama.

Per vedere un panorama mozzafiato potete andare al Balcóns de Madrid.

Il Sil Canyon su Maps

Isole Cíes

Le Spiaggia spagnola che ti fa sembrare d’essere ai Caraibi.

La partenza è da Vigo (guarda il sito dei traghetti del Mar De Ons), ma sono ammessi solo 2’200 visitatori al giorni.

Se intendete visitarle dovrete chiedere l’autorizzazione e prenotarvi a questo link: Prenota autorizzazione per entrare alle Isole Cies

Il meglio della spagna del nord

Abbiamo riassunto il meglio della Spagna del Nord in moto e come avete visto è una regione piena di attrazioni per i motociclisti e gli amanti dei bei panorami!

Qui troverete di tutto e sicuramente starete bene.

Certo, non pensate di farvi dei bei bagni come magari siete abituati in Italia perchè tutte le spiaggie danno sull’Oceano.

Stiamo parlando dell’Oceano Atlantico: ha temperature da 2° (polo nord e sud) a massimo 29° (all’Equatore centro Africa).

Considerate che vi dividono circa 1’000 km di mare dall’Irlanda e  più di 3’00 km dall’America!

Giro in moto spagna Portogallo

Che ne direste di un giro in moto spagna Portogallo?

Guarda la guida viaggio: Portogallo in moto 2019 oppure il nostro Viaggio in moto Francia Spagna Portogallo del 2019!

Spagna del nord in moto: Guida Viaggioultima modifica: 2019-09-20T18:10:17+01:00 da La Viva

Articolo Precedente

Articolo Successivo

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.